L´UNESCO accoglie nel patrimonio mondiale la zampogna slovacca

Italian

Il 2 dicembre 2015 è stata inserita nella lista del Patrimonio mondiale immateriale dell’Unesco la zampogna slovacca. O meglio la “cultura della zampogna” (Bagpipe culture – gajdošská kultúra), volendo includere tutto quello che ci gira intorno – la creazione degli strumenti, il repertorio di musiche specifiche per tale strumento, le modalità per suonarlo e gli stili interpretativi, i testi e le danze dei canti tradizionali in cui si fa uso della zampogna, l’aspetto estetico (stile e ornamentazione) dello strumento, le speciali espressioni verbali e le tradizioni popolari che ne accompagnano l’uso nella cultura tradizionale slovacca, e i riti ad esso collegati.

Le zampogne (in slovacco gajdy, solo al plurale) sono parte della tradizione di agricoltori e pastori nel territorio della Slovacchia fin dal XIV° secolo, e il loro uso è stato conservato di generazione in generazione fino ai giorni nostri. I suonatori di gajdy hanno una certa influenza sulle comunità locali per il loro ruolo negli eventi culturali tradizionali e perché la musica, scrive l’Unesco, «richiama un senso di identità per il pubblico». Le abilità di costruirle e suonarle sono trasmesse nelle famiglie e nelle comunità attraverso un percorso formativo formale e non formale.

La lista del Patrimonio immateriale Unesco comprende 314 voci che riguardano tutto il mondo. Con la zampogna (2015) sono ora tre gli aspetti della cultura popolare slovacca protetti dall’Unesco. Gli altri sono la Fujara (2008), grande flauto in legno dal suono profondo, e la musica dell’area di Terchová (2013). […]

Fonte: Buongiorno Slovacchia del 9 Dicembre 2015

Tags: